FONDAZIONE ITALIA®

 

PRIMA PAGINA

   

ADDIO A BIANCA CANULLA

 

Addio a Bianca Canulla, segretaria generale della Fondazione Italia. Non è riuscita a vincere la sfida col male che l’aveva colpita, e contro il quale ha lottato con tutte le energie. E venuta a mancare mercoledì 12 aprile presso l'ospedale San Pietro Fatebenefratelli di Roma ove era stata ricoverata.
Dotata di grande fascino e straordinaria bellezza, giovanissima,Bianca, negli anni 50 - 60 è stata una delle più famose e amate indossatrici nell'alta moda, ha lavorato con le più importanti sartorie, da Emilio Shubert a le sorelle Fontana, partecipando inoltre a popolari trasmissioni televisive quali il Musichiere ed a numerosi film. E' stata inoltre agente di popolari attori, quali Dean Reed, George Eastman, e Laura Antonelli che scoprì insieme ad Annamaria Surdo. Era sposata col regista e produttore cinematografico Corrado Prisco, col quale collaborò alla realizzazione di numerosi film: Stress, 1971, con Lou Castel, Salvo Randone e Leopoldo Trieste, regia di Corrado Prisco, Peccato Mortale, 1972,con Gina Lollobrigida, Regia di Roviro Beleta, Grazie nonna, 1974,con Edwige Fenech, regia di Franco Martinelli, Prima notte di nozze, con Aldo Giuffè, Laura Troschel, Oreste Lionello, Bombolo 1975, regia di Corrado Prisco. Ha collaborato con Corrado Prisco e con l'amico e produttore Turi Vasile alla preparazione del Tv movie per RTI Mediaset, Gli eredi del vento dal romanzo omonimo di Michele Prisco. Dal 2003 è stata segretaria generale della Fondazione Italia e del Premio Italia nel Mondo. E' la madre del regista Cristiano Barbarossa, a cui va il cordoglio della Fondazione Italia e degli amici del Premio Italia nel Mondo.

Bianca Canulla


Da sinistra: lo stilista Emilio Shubert (di profilo) Bianca Canulla, il presentatore Silvio Noto Da sinistra: Laura Antonelli, Bianca Canulla e Jean Paul Belmondo